Esercizi di mobilitazione per il collo - EPICENTRO ARREDO:MOBILI A SCOMPARSA-LAMPADE INNOVATIVE

Arredamento, mobili e lampade a Roma
Telefono : 0652205085
Arredamento e Illuminazione da Epicentro Arredo Roma
Epicentro Arredo - Arredamento Roma e Illuminazione Roma
Via del Pianeta Giove, 58/62 - 00144 Roma
Le migliori Offerte sui prodotti
Sedie Ergonomiche Varier
Sedie Ergonomiche HAG al migliore prezzo
Letti a Scomparsa Clei al prezzo migliore a Roma
CAP di Epicentro Arredo Roma
Epicentro Arredo - Arreda e Illumina il tuo mondo
Vai ai contenuti

Esercizi di mobilitazione per il collo

Sedie Ergonomiche
Esercizi con sedie ergonomiche
Esercizi di mobilitazione per il collo

Le spalle abbassate e l’aumentata cifosi della parte alta della schiena portano ad una ipertensione della muscolatura del collo. Per rilassare questa parte gli osteopati ed i fisioterapisti effettuano Diverse manipolazioni. Per mantenere questi benefici dobbiamo continuare a esercitarci. Questo esercizio di mobilità serve per mantenere flessibile questa zona. Per mobilizzare le vertebre cervicali devi immaginare di avere una matita al posto del mento e disegnare dei grandi cerchi nell’aria.

Come fare:
Afferra la parte inferiore del sedile e sporgiti in avanti in modo che il collo sia ad un angolo di 45° con il pavimento. Ruota lentamente il collo da una parte all’altra, come se ti stessi guardando dietro le spalle.
Ripeti cinque volte da una parte e cinque dall’altra.. Successivamente disegna dei cerchi con il mento nell’aria. Cinque volte da una parte e cinque dall’altra.
Afferra i poggiaginocchia di Variable e distenditi all’indietro, tenendo la schiena curvata fino a sentire
un allungamento tra le scapole. Muovi lentamente la testa su e giù otto volte, poi cerca di toccare la
spalla con l’orecchio. Ripeti cinque volte per ogni lato.
In questo modo hai coperto ogni angolo delle articolazioni e puoi goderti il benessere!

Attenzione: gli esercizi per il collo devono essere svolti lentamente. Se avverti dolore, vertigine o nausea fermati immediatamente.


Esercizio successivo
Torna ai contenuti